Ferie: logorano chi non ce l’ha

In questo post si parla di: , , ,

Nemmeno dieci giorni fa Gianfranco Polillo, sottosegretario all’Economia del Governo Monti, ci aveva deliziato con questa perla:

Stiamo vivendo sopra le nostre possibilità: per sostenere i nostri consumi interni abbiamo bisogno di prestiti esteri che sono stati pari a 50 miliardi di euro l’anno (…) Questo gap lo possiamo chiudere o riducendo ulteriormente la domanda interna, inaccettabile per il Paese, oppure aumentando il potenziale produttivo. Per aumentare la produttività del Paese lo choc può avvenire dall’aumento dell’input di lavoro, senza variazioni di costo; lavoriamo mediamente 9 mesi l’anno e credo che ormai questo tempo sia troppo breve. Se noi rinunciassimo ad una settimana di vacanza avremmo un impatto sul PIL immediato di circa un punto.

Poi ieri, Fabrizio Cicchitto, capogruppo PDL alla Camera dei Deputati, in merito alle sue ferie (duramente conquistate eh), si scatena:

Io ve lo dico: se ci volete far stare qui fino al 12-13 di agosto, sono problemi vostri… io ci starò, perché tanto ho le vacanze a due ore da qui, ma non ci sarà nessun altro. A quel punto ve la dovrete trovare voi una maggioranza: in bocca al lupo…

Ferie, logorano chi non ce l’ha..

Lascia un commento

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

BecaBlog © 2013 All Rights Reserved

Designed by WPSHOWER

Powered by WordPress