Morire ricercando

In questo post si parla di: , , , ,

Non è mio uso fare copia/incolla di articoli trovati e letti nel web, ma questo sotto, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti pubblicato su Repubblica.it,  mi ha colpito e lo riporto integralmente.

[...] Lele aveva annotato uno per uno tutti i suoi colleghi scomparsi e ammalati: “Sono tutti casi dovuti ad una situazione di grave e dannoso inquinamento del dipartimento e sicuramente non sono da imputare ad una fatale coincidenza. La mancata accortezza nello smaltimento dei rifiuti tossici e l’utilizzo di sostanze e reagenti chimici in assenza dei minimi requisiti di sicurezza ha nuociuto e potrà ancora nuocere se non verranno presi solerti provvedimenti”. Ma nessuno, fino alla presentazione dell’esposto da parte dei familiari di Emanuele, si era accorto che quel laboratorio si era trasformato da anni in una fabbrica di morti.

Lo chiamava “il laboratorio della morte”. A Raffaella, la sua fidanzata, a suo padre Alfredo, lo aveva detto più volte: “Quel laboratorio sarà anche la mia tomba”. Una stanza di 120 metri quadri, tre porte e tre finestre non apribili, due sole cappe di aspirazione antiche e inadeguate e tutte le sostanze killer, le sue “compagne” di studio e lavoro lasciate lì sui banconi, nei secchi, in due frigoriferi arrugginiti: acetato d’etile, cloroformio, acetonitrile, diclorometano, metanolo, benzene, con vapori e fumi nauseabondi e reflui smaltiti a mano.

Lì dentro il laboratorio di farmacia dell’Università di Catania nel quale sognava di costruire il suo futuro, Emanuele, “Lele” Patanè, negli ultimi due anni aveva visto morire e ammalarsi, uno dietro l’altro, colleghi ricercatori, studenti, professori amministrativi: Maria Concetta Sarvà, giovane ricercatrice, entrata in coma mentre era al lavoro e morta pochi giorni dopo; Agata Annino stroncata da un tumore all’encefalo; Giovanni Gennaro, tecnico di laboratorio, ucciso anche lui da un tumore. E poi quella giovane ricercatrice, al sesto mese di gravidanza, che aveva perso il bambino per mancata ossigenazione. E diagnosi di tumori a raffica: per uno studente, per una docente, per la direttrice della biblioteca, per un collaboratore amministrativo. Fino a quando, nel dicembre 2003, è toccato a lui. Ad Emanuele, 29 anni, un ragazzone forte e sportivo, laureato con 110 e lode, idoneo all’esercizio della professione farmaceutica, dottore di ricerca, stroncato in meno di un anno da un tumore al polmone.

Il suo diario, adesso, è finito agli atti dell’inchiesta che tre settimane fa ha portato al sequestro e all’immediata chiusura del laboratorio di farmacia dell’Università e alla notifica di avvisi di garanzia per disastro colposo ed inquinamento ambientale all’ex rettore dell’Università ed attuale deputato dell’Mpa Ferdinando Latteri e al preside della facoltà Angelo Vanella, ad altri sette tra docenti e responsabili del laboratorio di farmacia. Da anni, ha già accertato l’indagine, sostanze chimiche e residui tossici utilizzati giornalmente venivano smaltiti attraverso gli scarichi dei lavandini, senza alcuna tutela per chi in quel laboratorio studia e lavora. Adesso, dopo la denuncia dei familiari di Emanuele Patanè, alle ipotesi di reato si è aggiunta anche quella di omicidio colposo plurimo e lesioni. Per i cinque morti e i dodici ammalati che negli ultimi anni in quegli ambienti hanno vissuto.
“Quello che descrivo è un caso dannoso e ignobile di smaltimento di rifiuti tossici e l’utilizzo di sostanze e reattivi chimici potenzialmente tossici e nocivi in un edificio non idoneo a tale scopo e sprovvisto dei minimi requisiti di sicurezza”. Così Emanuele comincia le cinque pagine datate 27 ottobre 2003, tre mesi prima della sua morte. È stato l’avvocato Santi Terranova a consegnare in Procura il tragico diario ritrovato nel computer del giovane ricercatore. Nei giorni scorsi, dopo aver sentito del sequestro del laboratorio disposto dal procuratore di Catania Vincenzo D’Agata, l’anziano padre di Emanuele, Alfredo Patanè, 70 anni, si è ricordato di quelle pagine lette nel pc del figlio.

“Quel memoriale Lele lo voleva consegnare ad un avvocato per denunciare quello che accadeva lì dentro, che lì dentro si moriva – racconta – Ma l’avvocato a cui si era rivolto gli aveva detto che ci volevano dei testimoni perché contro i “baroni” dell’Università non l’avrebbe mai spuntata…”. Adesso saranno i sostituti procuratori Carla Santocono e Lucio Setola a valutarne la valenza.

Emanuele evidentemente si rendeva conto delle condizioni di estremo pericolo in cui lavorava, ma la paura di perdere la sua opportunità di carriera deve averlo fatto continuare. E così particolarmente grande fu la sua amarezza quando il coordinatore del dottorato di ricerca, Giuseppe Ronsisvalle, (“nonché proprietario della facoltà di Farmacia”, scrive) gli negò la borsa di studio, a lui, unico partecipante al concorso, solo perché ormai ammalato di tumore. Meglio conservare la borsa di studio per l’anno successivo per un altro studente. “Io non avevo nessuna raccomandazione – scrive Emanuele – mi chiedo come sia possibile che un concorso pubblico venga gestito in questo modo, senza nessuna trasparenza, legalità, senza nessun organo di controllo”.

Lele racconta così i suoi due anni trascorsi in quel laboratorio, fino al luglio 2002, quando anche per lui arrivò la terribile diagnosi. “Durante il corso di dottorato, trascorrevo generalmente tra le otto e le nove ore al giorno in laboratorio per tutta l’intera settimana, escluso il sabato. Non c’era un sistema idoneo di aspirazione e filtrazione, c’erano odori e fumi tossici molto fastidiosi e spesso eravamo costretti ad aprire le porte in modo da fare ventilare l’ambiente”. C’erano due cappe di aspirazione antiquate “quindi lavorare lì sotto era lo stesso che lavorare al di fuori di esse”. “Dopo la diagnosi della mia malattia, cioè nel 2002, una di questa cappe è stata sostituita con una nuova. Le sostanze chimiche, i reattivi ed i solventi erano conservati sulle mensole, sui banconi, in un armadio sprovvisto di sistemazione di aspirazione e dentro due frigoriferi per uso domestico tutti arrugginiti. Dopo avere trascorso l’intera giornata in laboratorio avvertivo spesso mal di testa, astenia ed un sapore strano nel palato come se fossi intossicato”.

Lele aveva annotato uno per uno tutti i suoi colleghi scomparsi e ammalati: “Sono tutti casi dovuti ad una situazione di grave e dannoso inquinamento del dipartimento e sicuramente non sono da imputare ad una fatale coincidenza. La mancata accortezza nello smaltimento dei rifiuti tossici e l’utilizzo di sostanze e reagenti chimici in assenza dei minimi requisiti di sicurezza ha nuociuto e potrà ancora nuocere se non verranno presi solerti provvedimenti”. Ma nessuno, fino alla presentazione dell’esposto da parte dei familiari di Emanuele, si era accorto che quel laboratorio si era trasformato da anni in una fabbrica di morti.

5 total comments on this postSubmit yours
  1. Giuro, quando oggi ho letto su Repubblica questa notizia mi è venuto da vomitare, che paese di merda.

  2. davvero un’atroce fine…

  3. Approfittano del tuo bisogno di lavoro e ti uccidono anche usando la tua disperazione :-(

  4. porca trottola, ma ci sei ancora!!!
    Io non ti avevo piu’ nel blogroll, pensavo non scrivessi piu’ o non so cos’è successo…
    boh
    ti ho visto dal russo, per fortuna.
    ciao!

  5. Atroce si atroce…La cosa più atroce è che da quel laboratori ci siamo passati i tanti. Da giovane studente pensi che tutto sia normale…credi che se l’aula di laboratorio si riempie di gas e l’aria diventa irrespirabbile è sufficiente aprire delle porte … pensi che se lo cappe sono quelle degli anni ’70 non più adeguate a contenere e smaltire quei gas non fa nulla… Ti fai prendere dall’amore per la ricerca per la scienza … tutto il resto viene dopo. E se magari su tutte le bottiglie di reattivi coem toluene , benzene … trovi stampato il teschio con la dicitura “cangerogeno” … crei che sia sufficiente qualche piccola attenzione.
    La cosa peggiore che quei professori in quei laboratori ci entravano di rado … i loro studi erano il piano rialzato. Pensate che quella è una facoltà dove si studia farmacologia, tossigologia, patologia … ma è mai possibile che a nessuno sia mai interessta la salute di quella gente. Ci siamo passati in tanti. Con Emanuele eravamo dello stesso anno … lui si è laureato la sessione prima della mia … poi decide di partecipare al dottorato di ricerca … Una combinazione “mortale” che è toccata a tanta giovane gente. .. Ma chi può dirci se a distanza di anni ci saranno ancora casi solo per esseere “passati” da quei laboratori ? mno fanno indagini, hanno ricontattato tutti … tra quiei tutti ci sono anche io.

Lascia un commento

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

BecaBlog © 2013 All Rights Reserved

Designed by WPSHOWER

Powered by WordPress